martedì 31 ottobre 2017

Barm Brack

Quest’oggi inauguro una nuova rubrica, interamente dedicata ai dolci che compaiono (e compariranno) nelle mie storie legate all’Irlanda, pertanto tratterà prettamente di creazioni irlandesi e anglosassoni.
Lo Shannon’s, infatti, è il locale dove lavora Flavia, una delle mie protagoniste e l’unica che si diletta con l’uso del forno.
Premetto che il “materiale” che pubblicherò è puramente amatoriale, visto che non sono una fotografa, né una pasticcera, né una food blogger o simili. Ho semplicemente deciso di aprire questa rubrica perché coniuga tre delle mie passioni: la pasticceria, la scrittura e la cultura irlandese.

Essendo nel periodo di Halloween, mi è sembrato giusto cominciare da una preparazione irlandese legata proprio a questa festività, ossia il Barm Brack (in gaelico, Baìrin Breac), che con le sua morbidezza e fragranza speziata, assieme ad un buon tè, è perfetto per accompagnare i pomeriggi autunnali (e non solo).





Anticamente, i celti vedevano l’autunno come un passaggio verso il nuovo anno, pertanto all’interno di questo dolce venivano nascosti cinque oggettini, i quali rappresentavano simbolicamente l’avvenire di chi li trovava nella propria fetta: l’anello lascia presagire che ci saranno nozze entro l’anno, contrariamente al pisello (nozze non entro l’anno); il pezzetto di stoffa annuncia povertà, la monetina la ricchiezza e, infine, il bastoncino un matrimonio infelice.
Citando le mie storie, il Barm Brack compare nella one-shot natalizia e viene eccezionalmente preparato da Emiliano, che non è esattamente un asso con le preparazioni dolci (su EFP trovate la storia completa con tutti i dettagli).
Un’ultima cosa: in Irlanda esistono diverse versioni di questo dolce, io vi propongo una ricetta a lunga lievitazione, ma ci sono anche alcune - più rapide - che usano il lievito istantaneo ed un altro procedimento.

Ed ora, cominciamo!



 Difficoltà: ☘️ ☘️ ☘️

Ingredienti

• 300 g farina 0
• 150 ml tè tiepido (va bene qualsiasi gusto, io ho scelto quello alla vaniglia. Molti irlandesi sostituiscono 50 ml di tè con altrettanti di whiskey, voi potete scegliere in base ai vostri gusti)
• 35 g zucchero semolato
• 25 g burro ammobidito
• 7 g lievito secco
• 1 uovo medio (leggermente sbattuto)
• 100 g uvetta, mirtilli o altra frutta essiccata
• Spezie miste (io ho messo mezzo cucchiaino di cannella, mezzo di zenzero e un quarto di noce moscata)

Procedimento
  
• In una ciotola, mettete la farina setacciata, lo zucchero, le spezie ed il lievito. Mescolate le polveri e create un foro al centro, dove metterete l’uovo sbattututo, il tè e, eventualmente, il whiskey.
Impastate prima aiutandovi con una forchetta, poi con le mani, fino ad ottenere un panetto liscio che lavorerete per qualche minuto.

Ogni farina ha le sue caratteristiche, pertanto, se il composto dovesse risultare troppo mollo, aggiungete altra farina un cucchiaio alla volta. In caso risultasse, invece, troppo duro, aggiungete altro tè.

• A questo punto, aggiungete un pezzetto di burro alla volta, incorporandolo all’impasto continuando a lavorarlo. Non aggiungete il pezzo successivo fino a che il precedente non è stato completamente assorbito.
Questo passaggio potrà risultare un po’ laborioso per la resistenza che l’impasto opporrà all’aggiunta del burro, tuttavia, se avrete pazienza, alla fine otterrete una sorta di palla dalla consistenza elastica.

• Aggiungete la frutta essiccata, continuando ad impastare finché non sarà distribuita uniformemente, quindi mettete il composto in uno stampo da plum cake - precedentemente oliato (o imburrato) - e lasciate lievitare il dolce, coperto da un panno, nel forno spento per circa un’ora.

• Trascorso il tempo di lievitazione, infornate a 180° (forno statico) per circa 30-40 minuti. Verificate il grado di cottura con uno stecchino o uno spaghetto (deve risultare perfettamente asciutto) e tirate fuori il Barm Brack.

• Fatelo raffreddare completamente, quindi copritelo con un foglio di alluminio, lasciandolo riposare per circa due giorni (si può anche mangiare subito, ma tradizionalmente viene consumato dopo che si è ben compattato).

Il Barm Brack è ottimo tagliato a fette con burro o marmellata, servito accanto ad una tazza di tè caldo. Per mantenerlo morbido è bene conservarlo ben chiuso in un sacchetto di plastica.
Se volete inserire gli oggettini, vi conviene ricoprirli con un pezzetto di alluminio e inserirli nell’impasto prima della lievitazione.


[Le foto che vedete corrispondono a dolci che ho realmente cucinato. Tutte le ricette che propongo sono state prima debitamente sperimentate, testate e assaggiate. Per qualsiasi chiarimento potrete commentare qui sotto ed io vi risponderò nel più breve tempo possibile].

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ma che bella, la ricetta di un dolce irlandese! Me la devo segnare per i miei pomeriggi di pasticci in cucina! :)

Anche se penso non vedrai mai questo commento, ti ho nominata per questo Award! --> cliccami tutto

Halley Comet ha detto...

Ciao Lyra! :)
Grazie per avermi nominata e scusami se non ti ho risposto prima, ma sono stata per diverse settimane senza internet :(
Sei stata carinissima come sempre, un bacio!